Parla coach Monti “La società punta in alto, noi vogliamo crescere ancora”

49436024_1857034044422937_9062756847148072960_o

Dopo sei vittorie consecutive in campionato e una rincorsa che l’ha portata, momentaneamente, in seconda posizione a meno uno dalla capolista Brescia, la Monini Marconi si prende un paio di giorni di riposo per ricaricare le batterie in vista della Coppa Italia. Gli oleari osserveranno infatti il turno di riposo domenica prossima e torneranno in campo direttamente mercoledì 16 al PalaAgnelli di Bergamo per un quarto di finale molto affascinante contro l’Olimpia di Fernando Garnica e coach Alessandro Spanakis.

Prima però, vale la pena analizzare il momento molto positivo che la squadra sta vivendo in campionato, dopo il successo ottenuto contro Roma è coach Monti a tracciare il bilancio: “Siamo stati bravi a mettere in pratica quello che avevamo studiato in settimana, a partire dal servizio che è stato determinante, ribadisco che vincere fa solo bene e che sto vedendo dei segnali di crescita importanti. Il lavoro però è tutt’altro che finito, i prossimi allenamenti ci devono far migliorare ancora e tra le nostre priorità c’è quella di inserire stabilmente l’ultimo arrivato Fedrizzi nei nostri schemi”.

Si diceva del servizio, che nelle ultime partite è stata l’arma in più di questa Monini Marconi. Contro Alessano erano stati 15 gli ace in quattro set, contro Roma invece 10 in tre parziali, quindi media ampiamente rispettata. Fedrizzi ne ha messi a terra addirittura 4, gli altri se li sono spartiti Padura Diaz, Aguenier, Zamagni e Zoppellari. Spoleto ha fatto meglio di Roma sia in attacco (55% di squadra contro il 39% dei capitolini) che in ricezione (50% di positiva contro il 30%), MVP di giornata è stato il centrale francese Jonas Aguenier che ha infiammato il Palarota con delle battute potentissime e messo a terra complessivamente 9 punti col 70% di efficienza.

La crescita della Monini Marconi in termini di risultati è merito anche di un atteggiamento più propositivo dei giocatori in fase di muro-difesa, tra i protagonisti di quest’ultimo fondamentale c’è sicuramente Leo Di Renzo, chiamato domenica a ricoprire anche il ruolo di ricettore quando Santucci ha accusato un piccolo fastidio fisico (nulla di grave per fortuna). “Sono contento per aver dato anche oggi il mio contributo – raccontava Leo – ma ancora di più sono contento per la vittoria e per la prestazione di tutta la squadra. Avere qualche giorno di riposo ci farà bene, anche per sistemare qualche acciacco fisico che dopo tante partite ravvicinate ci può stare. L’importante è tornare in palestra con la voglia di sempre”.

Per la prima volta dopo il ritorno in A2, la Monini Marconi giocherà il quarto di finale di Coppa Italia fuori casa e da “sfavorita”, al cospetto della dominatrice del girone blu Olimpia Bergamo. Coach Monti non è affatto preoccupato ma sa che questa sfida potrà essere un bel banco di prova per i suoi. “Quando Cristofaletti ci ha chiesto di potersi riavvicinare a casa e la società lo ha rimpiazzato con un giocatore del calibro di Fedrizzi il segnale è stato chiaro e forte. Dobbiamo lavorare al meglio su tutti gli obiettivi perché la Monini Marconi vuole arrivare lontano. Poi è chiaro che incontreremo una squadra fortissima e che solo il campo potrà dare un verdetto”.

Dopo i due giorni liberi concessi dallo staff tecnico, i ragazzi torneranno al lavoro mercoledì pomeriggio con una seduta in sala pesi. Domenica, come già accennato, la squadra sarà ferma per il turno di riposo e quindi sarà lecito aspettarsi qualche ribaltone in classifica. La partenza per Bergamo è prevista per martedì 15, il giorno dopo alle 20.30 (diretta streaming su Lega Volley Channel) la supersfida contro l’Olimpia.

HIGHLIGHTS SPOLETO-ROMA