Monini Marconi in cerca di gloria a Mondovì. Monti e Ottaviani “Gara che può svoltare la stagione”

spoleto-mondovì

Dopo la bella rimonta contro Macerata arriva la “prova del nove” più dura per la Monini Spoleto, la trasferta nel fortino della Synergy Arapi Mondovì di coach Marco Fenoglio, sempre più leader del girone bianco. Ben nove le lunghezze che separano in classifica le due squadre, una già quasi certa dell’accesso ai playoff e l’altra alla ricerca di quella continuità di rendimento che potrebbe farle fare il definitivo salto di qualità. Il pronostico potrebbe apparire scontato, ma gli oleari hanno qualcosa da dimostrare a loro stessi e alle altre squadre del girone e lasceranno sul taraflex del Pala Manera fino all’ultima goccia di sudore.

“Sarà una partita molto difficile contro la vera rivelazione del girone bianco – afferma coach Luca Monti -. Una squadra che è allenata davvero bene e gioca benissimo a pallavolo. Però è anche una di quelle partite che possono cambiare l’esito di un campionato, in particolare del nostro. Dobbiamo credere fortemente nella possibilità di vittoria e dare il massimo in campo. Sono questi i concetti che da tutta la settimana sto cercando di trasmettere ai miei giocatori, mi aspetto di vedere da parte dei ragazzi tanta voglia di fare risultato”.

All’andata i monregalesi violarono il Palarota al tie break (13-15) al termine di una gara ricca di emozioni. Per la Monini prova eccellente di Willy Padura Diaz, top scorer del match. In banda, complici le non ottimali condizioni fisiche di Rosso, giocarono Ottaviani e Mariano. Per la gara di domenica prossima i giocatori di posto 4 sono tutti a disposizione, con un Fedrizi in più rispetto all’andata. Monti potrà scegliere anche in base a quanto osservato negli allenamenti settimanali.

Certamente tra i più in forma c’è Giusepe Ottaviani, che contro Macerata è subentrato a gara in corso e non ha più lasciato il campo. “Otto” presenta così la sfida: “Per noi sarà un match fondamentale, sia per la classifica che per il morale. Veniamo da una partita vinta di carattere, quanto di buono fatto contro Macerata lo dobbiamo confermare contro Mondovì, che è prima in classifica e in grande forma per cui tutto sarà più complicato. Loro giocano davvero bene e in un campo molto difficile grazie ai loro tifosi. Dovremo essere bravi dopo un lungo viaggio a rimanere concentrati per tutte le fasi del match, perché non nascondiamo che un risultato positivo a Mondovì potrebbe rappresentare la svolta del nostro campionato. Ci stiamo allenando bene ormai da diverse settimane, vogliamo vincere anche per andare alla pausa della Coppa Italia col morale alto e puntare poi a scalare la classifica”.

Rispetto alla Monini, Mondovì ha avuto qualche giorno in meno per preparare la gara di domenica, visto che mercoledì ha recuperato la gara non disputata contro Lamezia. Vittoria agevole in tre set per i monregalesi, trascinati dal 65% di efficienza in attacco di Michele Morelli (16 punti per lui) e dai 12 punti col 61% di positività di Jernej Terpin. Ma il grande lavoro di coach Fenoglio sta facendo sì che le vittorie della Synergy Arapi siano tutte costruite col lavoro di squadra, ed eventualmente esaltate dalle prestazioni individuali. Ci sarà quindi da sudare e soffrire per la Monini Marconi, che però negli ultimi tre set contro Macerata ha dimostrato quella grinta e quella voglia di lottare che ha più riprese ha esaltato giocatori e tifosi, e che potrebbe risultare decisiva nel prosieguo della stagione.